martedì 4 ottobre 2011

Carta vetrata

La superficie delle cose, a volte, merita di essere grattata con della carta vetrata. Amanda, la trombabile, ce l'ha fatta, che emozione, stante le cose siamo contenti, ci mancherebbe, assolvere è bello; ma quanto sarebbe stato bello anche che la cura e la protezione poliziesca degli ex carcerati famosi fosse stata praticata altresì ad Aldo Bianzino, che non era di Seattle, d'accordo, aveva la barba, pure, fumava gli spinelli, va bene, ma per un filo di marijuana - brutti stronzi vergognosi - l'avete tradotto in carcere come fosse un assassino; e perché magari egli ha osato protestare per il duro trattamento sùbito con un grido o un sberleffo a voi rivolto, lo avete massacrato di botte e ucciso, maledetti che non oserete mai confessare quanto siete stati criminali.


1 commento:

mari. ha detto...

E con Aldo molti altri.