domenica 12 febbraio 2012

Meno pelo per tutti

Non so se stamani qualcuno di voi ha fatto caso alla pagina pubblicitaria di Yamamay, nota azienda  produttrice di intimo maschile e femminile, che reclamizza la collezione intimo San Valentino 2012.
Nove foto di coppie all'apparenza innamorate che si concedono effusioni e gentilezze, carezze e coccole. Chiaramente lo standard dei modelli, sia maschile che femminile, è: persone giovani e belle nel loro massimo splendore e fighezza. Ma non è su questo che vorrei concentrare la mia attenzione, quanto sul fatto che, tra le nove coppie in calore, ce ne sono due omosessuali, per la nota e meritata tendenza al politically correct. Eccole qua:

A sinistra  una coppia di donne omosessuali; a destra, invece, due uomini omosessuali.
Ora, io sono contento che l'omofobia venga altresì contrastata mediante il linguaggio pubblicitario. 
Sono, però, meno contento del fatto che se per rappresentare l'omosessualità femminile si mostri il volto delicato di due fanciulle in pigiama*, dove una sfiora con un bacio a bocca chiusa lo zigomo dell'altra; per rappresentare l'omosessualità maschile, si mostrino, invece, le terga, coi culi mutandati in primo piano, come a significarmi che, necessariamente, l'omosessualità maschile passa soprattutto da lì. D'accordo, passa anche da lì, ma non solo, dacché credo che due maschi omosessuali innamorati si sfiorino anche gli zigomi come le due fanciulle, così come le due fanciulle apprezzino non solo gli zigomi ma anche altre parti anatomiche.
Qualcuno dirà che trovo troppi peli nell'uovo** e che l'importante è, invece, sia sdoganato l'amore omosessuale. Vero, è che - converrete - non si sembra garbato mostrare troppi peli dell'uomo, peculiarmente quelli vicini alle mutande.

*Da notare il cuore sulla maglia del pigiama di colei che bacia, in posizione tetta sinistra - posizione del cuore.
**È un uovo al tegamino quello delle mutande quadrettate rosse, vero?

9 commenti:

K. ha detto...

Vado di elenco puntato, efficace strumento deterrente (a volte) la mia prolissità.

punto uno
Potremmo dire che il lupo perde il pelo ma non il vizio? E che certe campagne continuano a essere guardate e concepite da occhi e mentalità etero? E che si diventa brillantemente omofili soltanto nel momento in cui "gay e lesbo è bello" perché commercialmente conveniente? Magari si resta omofobi, ma i soldi sono unisex.

punto due
Penso di sì, che sia un uovo al tegamino, surrogato di un cartellone a cerchi concentrici per il tiro a segno. Evidentemente (vedi punto uno) prevale l'elegante metafora del tiro a segno con freccette e frecciate di vita quotidiana nei confronti degli omosessuali.

punto tre
Bel post con argute osservazioni sui particolari, per passare ai raggi tutte le consapevoli macchinazioni pubblicitarie che stanno dietro la costruzione di certe immagini tanto tenerine e tanto da mentine apertine.

punto quattro (off topic)
Ho già visto video introduttivo su youtube, scoperto che esiste pure Chromium, il fratello rebelde di Chrome, ecc... insomma, thanks again ;)

Anonimo ha detto...

Ma che orrore le mutande del ragazzo sulla sinistra! Come si chiamano, "Slip La Prova del Cuoco"?
Marco

Luca Massaro ha detto...

@ K.
Grazie delle tue brillanti osservazioni.
(Chromium... evviva!)

@ Marco
Non so se la prova degli slip sia quella del «cuoco», ma ci sono fondati sospetti inizi con la «cu».

Balqis De Cesare ha detto...

veramente stanno mano nella mano, sei tu che hai notato solo i lati B
E trattandosi di pubblicita' all'intimo, ci stava
Se li giravano poi si sarebbero potute notare eventuali carenze

Luca Massaro ha detto...

@ Balqis
L'occhio batte dove la mano duole.

melusina ha detto...

A noi ragazze non dispiace guardare un bel paio di chiappe maschili toniche e proporzionate, e se passano l'esame obiettivo preferiamo non sapere se, malauguratamente per noi, appartengono a un soggetto con preferenze sessuali uguali alle nostre. Tuttavia nessun bel paio di chiappe maschili, omo o etero, risulta in seppur minima misura non dico appetibile ma nemmeno guardabile con addosso un paio di mutande da cretini come quelle.

Luca Massaro ha detto...

@ Melusina
:-D
P.S.
Io amo (come molti, credo) la tinta unita.

Matteo ha detto...

Concordo con le tue osservazioni. E' una pubblicità apprezzabile per gli intenti, ma che ricade nelle solite ingenuità che tu hai ritrovato e sottolineato.

Luca Massaro ha detto...

Grazie Matteo...
buono scioglimento de' ghiacci
:-)