mercoledì 11 luglio 2012

L'autunno a luglio, nonostante il sole

Alberto Giacometti fotografato da Henri  Cartier-Bresson


Per dare lavoro al vento
cuciva a filo doppio
le foglie secche dell'albero.

Antonio Machado, da Proverbios y cantares, traduzione di Vittorio Sermonti (in Il vizio di leggere, Rizzoli, Milano 2009)

Qui la crisi economica e finanziaria non pare dare tregua e anche i migliori e più acuti analisti economici ravvisano che l'azione politica dei paesi europei sta facendo acqua. 
I governi si affannano a trovare soluzioni per uscire dalla crisi, ma tali soluzioni sono foglie secche cucite alla bell'e meglio che non illudono certo il vento dei Mercati. 
Gli Stati europei più in crisi (Grecia, Portogallo, Spagna, Italia) sono dei pugili al tappeto di fronte allo strapotere dei Mercati perché i Mercati detengono i soldi per farli funzionare.
C'est tout. 
Esiste una soluzione per rialzarsi? Non dico mica per vincere, ma per andare perlomeno ai punti.
Non c'è nessun arbitro che impedisca all'avversario di infierire? No, i Mercati picchiano duro e mordono orecchi - e fanno bene*, fanno i loro interessi.
I mercati sono come il pacu: azzannano gli Stati ai testicoli. Ora, se le palle fossero soltanto quelle dei politici (più o meno tutti, di lungo e corto corso), poco male. È che i politici, per proteggersele, danno in pasto al pacu le palle altrui, quelle del popolo soprattutto (sono più tenere?). 

Ma un giorno, a forza di azzannare, i mercati non troveranno più le palle di nessuno. Si mangeranno le proprie?

Per dare lavoro al vento
cuciva a filo doppio
le foglie secche dell'albero.

Prepariamoci, l'autunno sembra lontano, ma.

- Togliete di mano quell'ago a Monti, alla Fornero, a Passera che mi bucano dappertutto.


*Fanno bene un cazzo, ça va sans dire.