sabato 21 luglio 2012

Quasi ironico

Sfogliando Repubblica in piedi, appoggiato a dei titubanti portici di paese, in una posa da perfetto e scafato intellettuale di provincia, arrivando alla sezione culturale di R2, e trovandomi di fronte tre pagine dedicate al prossimo matrimonio di Michele Placido con una donna più giovane di tre decenni, della qual cosa profondamente me ne sbatterei le palle in terra, proprio davanti al portone dell'estetista portandole via lavoro, ma lasciamo perdere, mantengo u pelu, insomma, in tali pagine che m'affretto a girare scorgo, riportata in grassetto accanto a una foto dell'attore, la seguente sua dichiarazione:
«Federica è la compagna della mia vita. Il padreterno si è divertito a mandarmela in modo quasi ironico nel momento della mia vecchiaia. E allora? Perché rifiutare un dono del genere?»
Ecco, lì per lì mi sono sentito spaesato, meno male c'era la colonna. Di poi, ho alzato gli occhi al cielo, ho pronunciato: padreterno, e ho pensato: “Curioso che il padre di Federica Vincenti si chiami Eterno”.
Sono stato quasi ironico, vero?

4 commenti:

alex grossini ha detto...

a pensare male si fa peccato, ma non sarebbe la prima volta che il signor eterno produce prole che non porta il suo cognome, no?

Luca Massaro ha detto...

Già, Dio è sempre stato contrario all'istituzione delle anagrafi.

(a proposito: come faceva di cognome Giuseppe?)

Anonimo ha detto...

Chissà per quale ragione questo Padre Eterno offre in dono le sue giovani protette sempre e solo a maschi anziani ricchi e famosi. Ai maschi di reddito modesto niente, si accontentino delle loro coetanee, fino alla fine.

Luigi

Luca Massaro ha detto...

Vero - e ultimamente ha un occhio di riguardo anche per certe milf dalla borsa Vuitton bella gonfia di dinero: è Padre che ama le pari opportunità (sopra una certa soglia di ricchezza, naturalmente).