giovedì 9 agosto 2012

Se ci provo


I MAY, I MIGHT, I MUST


If you will tell me why the fen
appears impassable, I then
will tell you why I think that I
can get across it if I try.
         POSSO, POTREI, DEVO


        Se mi direte perché la palude
        appare insuperabile,
        allora vi dirò perché io credo
        di poterla passare se ci provo.

Marianne Moore, O to be a dragon, 1959, in Poesie, Adelphi, Milano 1991 (a cura di L. Angioletti e G. Forti).

La storia è questa, i poteri sono questi, gli uomini che subiscono storia e poteri sono vittime in primo luogo dei confini della loro immaginazione.
Restiamo prigionieri della palude. Tutto intorno a noi cospira a farci credere che di qui non si esca: queste sono le istruzioni mondo, chi più vi si adatta più raggiunge quello pseudo stato di felicità e gratificazione. L'importante, però, è non grattare sotto il gratta e vinci fortunato della vita per non scoprire che il mio miele è il risultato di altrui deiezioni.
Felice Occidente che ti pasci ancora nelle tue incerte sicurezze. Goditi queste estati torride che ancora regalano momenti di riposo. Osserva la sera il cielo che ti attraversa, la miriade di stelle, spera in qualche cadente per esprimere un sano desiderio. Tienti pronto, abbine uno, non ti lasciar sfuggire l'occasione. Chi ti abita può soltanto dirti il perché della palude e il perché appare insuperabile.

4 commenti:

melusina ha detto...

Siamo al mondo per provarci. Per quale altro motivo, sennò?

Luca Massaro ha detto...

Pro via mo ci ancora, insieme ;-)

basilisca ha detto...

"Vidi un uomo che inseguiva l 'orizzonte ed entrambi continuavano a correre.
La cosa mi sconcertò.
Mi avvicinai all 'uomo
'E' inutile' dissi 'Non potrete mai....'
'Voi mentite' gridò l'altro, e continuò a correre"
Stefen Crane

Luca Massaro ha detto...

grazie Basilisca :-)