domenica 4 novembre 2012

Museo Massaro: il mio bagno in forma di catalogo


Non essendo un alto borghese, né un collezionista, né un antiquario, né un cazzo niente, ma dato che ho fortemente in uggia la letteratura memorialistica e catalogatoria, forse per la mia origine plebea, la mia scarsa educazione, la mia assente sensibilità verso ogni forma di reliquia - ecco che con molta disinvoltura e dimolto pelo sullo stomaco, manifesto il mio giudizio tranciante: la casa-museo del nobel Orhan Pamuk ha proprio rotto i coglioni.

Poi, però, ho pensato che, ognuno, nel suo piccolo, nella miseria della sua quotidianità, potrebbe raccontare, per filo e per segno, la storia degli oggetti che accompagnano il suo vivere, a cominciare dal bagno, luogo sacro dell'espurgo e della nettezza corporale (e non solo). Sotto, alcune istantanee del mio scaffalino da bagno in legno ikea, così come si trovano (scusate il disordine). Per ognuno di essi potrei, potenzialmente, raccontare qualcosa. Lo faccio? No, perché non vorrei poi rischiare di vincere il nobel per un bagno che non è nemmeno turco.



11 commenti:

melusina ha detto...

Foto che dicono molto su di te: per esempio, ti fai la barba con il pennello e usi la carta igienica come reggilibri (Catullo!). Particolari che meriterebbero approfondimenti, e io li leggerei volentieri. Ho affetto per le piccole cose con l'anima.

giovanni ha detto...

Hai un clistere, è dal '78 che non ne vedevo. Reazionario!

Luca Massaro ha detto...

@ Melusina.
Grazie dell'incoraggiamento, cercherò di raccontare...

@ Giovanni
... anche del clistere (chiamato "schizzetto" :-D ). Ma perché reazionario? ... Ah, capito...

riccoespietato ha detto...

...ma quattro rasoi? 'azz...

Luca Massaro ha detto...

@ riccospietato
In realtà uso soltanto quello in acciaio con lametta classica intercambiabile. Gli altri bilama di plastica, due sono nuovi e uno è, diciamo, da seconda passata, quando (raramente) mi faccio una seconda passata (me ne basta una).

melusina ha detto...

Beh dai, clistere... è una peretta, potrebbe servire anche per piccoli tappi di cerume.

guardaitreni ha detto...

Diciamo che i tuoi commentatori mi hanno guidata verso una peretta che non avevo notato. E' una peretta da bimbo, non da adulti! Sicuramente Lucas la usa per spolverare gli interstizi tra le pagine dei libri. Così è, perchè così mi piace.

Luca Massaro ha detto...

Grazie Anna ;-)
essa è, infatti, una vecchia peretta usata per le bimbe (ora cresciute).
È rimasta lì, in bella vista, perché... beh, questa sarà un'altra storia.

anna ha detto...

Allora, a presto leggerla!

anna ha detto...

Allora, a presto leggerla!

guardaitreni ha detto...

Allora, a presto leggerla!