martedì 4 marzo 2014

Come mi vuoi

Dammi un sandwich e un po' d'indecenza



Io sono magro, lo sono sempre stato, sempre, non è una novità per me. Inutile vengano a dirmi, «Come sei magro»: lo so.
Sono alto un metro e ottanta e, attualmente, peso sessantadue chili. Vorrei aumentare, non ci riesco, ma non per questo mi stresso. 
C'è stato un periodo che sono stato 68, ma, successivamente, nel giro di pochi anni, da 68 sono piombato a 54. Il vegetarianesimo, la macrobiotica (apporto proteico alimentare ridotto all'osso), e una vita non certo sedentaria (facevo il corriere espresso: 10/12 ore al dì), furono la causa.  
Con fatica, e il ritorno a una dieta onnivora, sono risalito. Da un paio d'anni, poi, ho preso ad andare in palestra, attrezzi, con regolarità. Più che altro come fatto mentale, per sentirmi in pace con la coscienza. Non prendo integratori, tipo quei papponi proteici che mi mettono in subbuglio l'intestino e in catastrofe il palato, o altra roba anche pesante, perché mi frega un cazzo, sto bene così.
Sono magro ma, dopo anni, rimetto i pantaloni corti, prendo il sole quando mi va e dove capita, e spogliarmi alla bisogna non è più un'ubbia, anzi: sono magro, ok, ma - scusate l'endorsement - non mi trovo malaccio, anzi (oh, yeah).

Come saprete, come capita, quando uno esce un po' dai parametri della normalità, sia alto, basso, secco, grasso, gobbo, rosso malpelo, biondissimo, moro, peloso, glabro, eccetera, c'è sempre qualche cretinetto o, diciamo, dispettoso, che te lo fa notare, come se i magri, i grassi, eccetera, non avessero specchi e quindi occhi (interiori e non) per sapere come essi sono. E nascono i complessi. Ok, anch'io me li sono fatti, ho perso un po' di mare per questo (anche perché non abito vicino al mare e dicevo che non mi piaceva il mare, che coglione), un po' di bagni, ma vabbè, nonostante tutto, ho ripreso con gli interessi il piacere di star bene con se stessi (rima baciata, ma non pratico autofellatio).

Tutto questo, in premessa, perché volevo dirvi che mi sono piaciuto, ieri, ai margini di una riunione collegiale, quando, a una collega che ogni volta che mi vede - per fortuna raramente - mi dice «Luca, quando l'ho lo metti su qualche chilo?», ho risposto:
«Quando ti fai rifare le tette, così dopo ti domando se te le posso toccare».

«How do you want me, what do you give me, 
where do you drag me?» 


9 commenti:

Olympe de Gouges ha detto...

lei cosa ha replicato?

Luca Massaro ha detto...

Un misero "scemo".

Massimo ha detto...

Sai che anch'io per anni ho avuto lo stesso identico problema?
E' bello sapere di non essere soli. Sono uno e ottanta e adesso credo di pesare 68 chili scarsi. Quando avevo 30 anni mi sembrava già un risultato enorme se la bilancia segnava 62.
La magrezza quand'ero ragazzo, mi creava non pochi problemi, più che altro con me stesso. Le prese per il culo si sono fermate grosso modo ai primi anni di liceo. Cercavo di ovviare con ginnastica e pesi, che pratico tuttora per cui a 52 anni posso dire di non essere messo troppo male. La mia compagna quando è in vena di tenerezza mi chiama insetto-stecco.
Il problema è che anche se non ingrasso nemmeno se mi pompano aria su per il culo, in compenso il colesterolo, quello, cresce lo stesso. Che farci? Se salto un mezzo pasto per due giorni perdo già un chilo. I misteri del metabolismo.

Luca Massaro ha detto...

Grazie della tua testimonianza. Bellissimo titolo "i misteri del metabolismo"

siu ha detto...

Ma quel "...quando l'ho metti su qualche chilo?" scritto così, è voluto?

siu ha detto...

Ho visto che hai corretto; magari ti sta così sulle palle, la collega, che "volevi" farla passare (almeno!) per sgrammaticata ;-))

Luca Massaro ha detto...

Sarebbe stato meglio, ma è soltanto il contrappasso di aver replicato a una maestra :-/

Anonimo ha detto...

Maestro Luca, vorrei avere la tua prontezza di spirito con colleghe e colleghi altrettanto molesti, delle vere mosche tze-tze!
Hans

riccoespietato ha detto...

vi voglio tanto bene, oh alieni.

...perché quando mi scopro a volere bene agli alieni la mia opinione di me stesso migliora nettamente.
(mi passa in fretta di solito, ma intanto.)

firmato: un uomo obeso prigioniero nel corpo di un uomo grassottello