venerdì 23 giugno 2017

A tratti

A tratti la vita
presenta dei fatti
che sembrano darti
l'impressione
di avere il controllo
di essere al centro –
e tutto dintorno
pare che ruoti in funzione
del tuo desiderio.

A tratti diversi
la vita ti prende alle spalle
e l'impressione
di avere il controllo
svanisce, il centro
si perde in un gorgo
di misfatti e niente
gira come vorresti –
e ti arrendi.

A tratti
la vita neanche la vedi
perché vivi come se fosse
per sempre:
e quanti ritardi
inutili attese
zero rimpianti
decisioni mai prese
ché la vita ti sembra
permanente.

A tratti
vivere una vita da distratti:
non prestare attenzione
a quello che passa
nella bolgia dei fatti
tra vita che passa
e vita che sta 
morire ignorando
che la vita finisce
è l'unico scampo
che il dolore lenisce.

A tratti
vivere una vita da matti
rinchiusi ma capaci
di liberarsi in vita
della vita intesa come condanna:
fumarsi una canna
riempirsi di baci
distesi sull'orlo del vuoto
come dei gatti
in attesa di un sogno 
che faccia cadere
con un colpo di reni
all'impiedi
(occhi su occhi
mani su seni).

6 commenti:

Sabina_K ha detto...

Posso dirlo? sembra scritta da un rapper, così l'ho sentita, da subito, dalle prime righe e, giuro, non è una critica!

S. ha detto...

intensa...suggestioni di Caproni?! :)
bella lettura, grazie Luca.

Olympe de Gouges ha detto...

a me piace. a tratti di più

Luca Massaro ha detto...

Grazie a voi, mie care signore.

@ Sabina K.
per me è un complimento, perché - ne fossi capace - rapperei anch'io.

@ S.
Caproni? Può essere. E mi piacerebbe, ché amo il ritmo di molte odi caproniane. I versi in corsivo (la strofa in generale che li contiene), sono però rubati a Montale, "Tempi di Bellosguardo", Le Occasioni.

gioia ha detto...

Eh. Ma che bella.

Luca Massaro ha detto...

Grazie mille.